Vita della comunità 9/21

Amiche e amici,
faccio memoria che in questa domenica, 28 febbraio, le offerte che si raccolgono durante le messe saranno devolute alla Caritas diocesana, che sta provvedendo ad avviare il nuovo dormitorio per le persone senza casa. Con il nostro denaro collaboreremo all’acquisto dell’arredamento necessario (letti, materassi, armadietti, sedie, e quant’altro occorre). Dato che sono sull’argomento, mi piace far presente che, grazie alla vostra generosità, la nostra parrocchia viene incontro a numerose situazioni di difficoltà economica, e tanti nostri fratelli e sorelle trovano un pochino di sollievo nella gestione della vita di famiglia: come è noto vengono pagate soprattutto bollette e vengono distribuiti beni alimentari. Ringrazio di cuore tutti voi che non fate mancare il vostro contributo, e faccio un encomio alle persone della nostra comunità che sono impegnate in prima linea nelle attività caritative.
Sono sempre grato a tutti coloro che partecipano alla messa domenicale, e apprezzano il valore del ritrovarsi insieme attorno alla mensa di Gesù, condividendo sofferenze e speranze. Questo però avviene nel momento delicatissimo della gestione della pandemia, e pertanto si richiede a tutti il massimo senso di responsabilità e la più vigile attenzione alle normative vigenti. Per chi non lo avesse capito, giova ricordare che non si tratta esclusivamente di un problema personale (“rischio/non rischio di infettarmi”), ma soprattutto sociale (“non devo contribuire all’intasamento degli ospedali facendo da tramite, anche solo indiretto, del contagio, andando ad aggravare il peso che la sanità pubblica deve sopportare in questa congiuntura”). Perciò non dobbiamo dimenticare le precauzioni che devono circondare il rito domenicale: è proibito fare assembramenti, tanto prima quanto dopo la messa; la capienza delle chiese è a numero ridotto, per cui una volta esauriti i posti a sedere non è possibile ammettere ulteriori presenze; non si possono spostare le sedie in chiesa, perché sono state posizionate tenendo conto della distanza interpersonale raccomandata. Vi chiedo cortesemente di tenere presenti questi suggerimenti. Grazie!
In questa domenica 28 febbraio, avremo un appuntamento che coinvolgerà i ragazzi e le ragazze delle superiori di San Lorenzo e dell’Ausiliatrice: faremo una chiacchierata con Pietro Scidurlo, il fondatore di Terre di Mezzo. È un giovane paraplegico (la malattia lo ha privato dell’uso delle gambe) che non si è arreso, e percorre migliaia di chilometri ogni anno lungo gli itinerari religioso-culturali dell’Europa, in carrozzina o in handbike (per esempio, ha percorso interamente, più volte, il cammino di Santiago). Non solo, organizza questi viaggi anche per altre persone portatrici di disabilità. Si possono vedere dei bei video dedicati a lui su YouTube. Nel 2020 ha pubblicato un agevole libro in cui narra le sue esperienze e le sue riflessioni, dal titolo “Per chi vuole non c’è destino”, che regaleremo ai ragazzi.

Vi auguro di cuore buona settimana!
Don Emilio – con me vi saluta don Roberto

Celebrazione della messa

Celebrazione della messa nella parrocchia di San Lorenzo

Domenica 28 febbraio ’21
II di Quaresima

8.30 San Lorenzo

 

9.30 San Paolo

 

11.00 Sant’Agnese

defunti fam. Magnani;
Laura e Osvaldo De Santi;
defunti fam. Papetti Cattaneo

Bruno, Diego e defunti fam. Maestroni

per la comunità

Lunedì 1 marzo

18.00 San Lorenzo

Paolo Monti, nel 30° giorno della morte

Martedì 2 marzo

18.00 San Lorenzo

 

Mercoledì 3 marzo

18.00 San Lorenzo

Mario Pazzi, nell’anniversario della morte;
Pietro Miragoli e Francesca Negri

Giovedì 4 marzo

18.00 San Lorenzo

Egidio e Agnese Granata e Giancarlo Riva

Venerdì 5marzo

17.15 San Lorenzo
Preghiera della Via Crucis

18.00 San Lorenzo

 

Sabato 6marzo

18.00 San Lorenzo

Marcello

 Domenica 7 marzo
III di Quaresima

8.30 San Lorenzo

 

9.30 San Paolo

 
11.00 Sant’Agnese

Luciano, Giulio e Carmen Montini

 

defunti fam. Corrada Guglieri

 per la comunità

Per iscrivere il nome dei propri familiari defunti nella messa contattare il parroco di persona o per telefono: don Emilio 375 5317138

Vita della comunità 8/21

Amiche e amici,
mercoledì scorso abbiamo inaugurato la Quaresima con il rito dell’imposizione delle ceneri. Ora si tratta di considerare la necessità di portare a termine il rito con il suo “passaggio nella mente” (così con libertà traduco il termine metanoia, che i testi biblici greci usano per indicare la conversione): la cenere posata sul capo, per essere efficace, deve penetrare nel cervello, e diventare oggetto di riflessione a proposito della direzione della vita. Senza questa seconda fase del rito, che avviene non in chiesa, ma in casa, per strada, sul lavoro, a scuola, quando ci si dedica alla cultura e quando ci si dà allo svago, la prima fase, quella della celebrazione, non ha molto senso, resta qualcosa di incompiuto. Penso che ciascuno di noi dovrebbe cercare di “tradurre” il simbolo della cenere, collegandolo a un punto critico della sua vita, quello che richiede con urgenza una svolta, una trasformazione. Auguro a tutti noi di vivere una Quaresima proficua per la nostra esistenza.

Propongo un momento di preghiera: all’appuntamento consueto della messa quotidiana aggiungiamo la celebrazione della Via Crucis, il venerdì alle 17.15.

Propongo un momento di riflessione: giovedì 25 febbraio, alle 21, sarà possibile seguire in streaming una meditazione di carattere pasquale, che prenderà spunto dai due quadri che Caravaggio ha dedicato al tema della Cena di Emmaus. Inizialmente erano previsti due serate, promosse dal Gruppo, ma la modalità – come sempre un po’ faticosa – degli incontri a distanza, ha suggerito di limitare l’offerta. La meditazione, che avrà come titolo: “A cena con Gesù. Caravaggio”, sarà guidata da me, con il sostegno di don Roberto come promotore dell’iniziativa e di Luca Alquati per il supporto tecnico. A suo tempo saranno date le informazioni necessarie per il collegamento. In ogni caso siamo a disposizione, Luca, don Roberto ed io, per ogni chiarimento.

Propongo un gesto di solidarietà: come vi ho anticipato la scorsa settimana, destineremo la raccolta delle offerte di domenica 28 febbraio all’acquisto dell’arredamento necessario al nuovo dormitorio che la nostra diocesi sta allestendo per le persone senza casa. Il denaro che verrà raccolto lungo tutta la Quaresima nelle bussole che stanno nelle chiese di San Lorenzo e Sant’Agnese, sarà devoluto a questo scopo.

Auguro a tutti buona settimana

Don Emilio – con me vi saluta don Roberto

Celebrazione della messa

Celebrazione della messa nella parrocchia di San Lorenzo

Domenica 21 febbraio ’21
I di Quaresima

8.30 San Lorenzo

9.30 San Paolo

11.00 Sant’Agnese

defunti fam. Maglio e Nicò

Giuseppe Cortesi

per la comunità

Lunedì 22 febbraio
Cattedra di San Pietro

18.00 San Lorenzo

Alberico Rossi

Martedì 23 febbraio

18.00 San Lorenzo

Arduino Baraldi

Mercoledì 24 febbraio

18.00 San Lorenzo

 

Giovedì 25 febbraio

18.00 San Lorenzo

Demos Filippin

Venerdì 26 febbraio

17.15 San Lorenzo
Preghiera della Via Crucis

18.00 San Lorenzo

 

 

Carlo Ramella

Sabato 27 febbraio

18.00 San Lorenzo

Enrico Perotti;
Cesare Emaldi

 Domenica 28 febbraio
II di Quaresima

8.30 San Lorenzo

 

9.30 San Paolo

 
11.00 Sant’Agnese

defunti fam. Magnani;
Laura e Osvaldo De Santi;
defunti fam. Papatti Cattaneo

Bruno, Diego e defunti fam. Maestroni

 per la comunità

Per iscrivere il nome dei propri familiari defunti nella messa contattare il parroco di persona o per telefono: don Emilio 375 5317138

Vita della comunità 7/21

Amiche e amici carissimi,
mercoledì prossimo, 17 febbraio, è il primo giorno di quaresima. Durante la messa faremo il tradizionale e impressionante rito dell’imposizione delle Ceneri. Faremo due celebrazioni: una, consueta, alle 18; e un’altra alle 20.45, in modo da terminare in tempo utile per permettere a tutti di tornare nelle proprie case prima delle 22.00. Quest’anno, ad cautelam, dovremo modificare la procedura: non ci sarà la processione verso l’altare, ma il celebrante si sposterà di panca in panca per versare la cenere sul capo dei presenti. Inoltre dirà la formula prevista una volta sola all’inizio, poi procederà all’imposizione senza dire nulla.

Ci attendono alcuni momenti di preghiera “straordinari”: domenica 21 febbraio si terrà il ritiro diocesano per le famiglie. Si svolgerà nel pomeriggio. In seguito verranno date indicazioni precise. Nella nostra parrocchia, organizzate dal Gruppo, ci saranno due serate di spiritualità, mercoledì 24 e giovedì 25 febbraio. Inizialmente si pensava di farle in presenza a Sant’Agnese ma, dato il perdurare del rischio del contagio, dovremo trasmetterle in streaming, come stiamo già facendo per tanti altri incontri.

Per quanto riguarda l’impegno di carità, aderiamo molto volentieri alla proposta della nostra diocesi che intende destinare le offerte che si raccoglieranno durante il periodo quaresimale, all’acquisto degli arredi del nuovo dormitorio per i senzatetto. Informo chi non lo sapesse ancora che la diocesi aprirà una nuova struttura per ospitare le persone senza fissa dimora nel cortile dell’oratorio dell’Ausiliatrice, nei locali di quello che fino a qualche tempo fa era il Convegno San Giuseppe, e che sono rimasti vuoti. È in corso una ristrutturazione muraria a scopo di adeguamento ma, naturalmente, occorre procurare letti, coperte, armadietti, tavoli e sedie. Anche a noi viene chiesta una mano. Se volete, potrete deporre la vostra offerta nell’urna dedicata a questo scopo che si trova a San Lorenzo e a Sant’Agnese. Faremo poi una raccolta mirata la seconda domenica di quaresima.

Vi auguro di trascorrere una settimana serena

Don Emilio – con me vi saluta don Roberto

 

 

 

Celebrazione della messa

Celebrazione della messa nella parrocchia di San Lorenzo

Domenica 14 febbraio ’21
VI del tempo ordinario

8.30 San Lorenzo

 

9.30 San Paolo

11.00 Sant’Agnese

Anna Guati, Anna Gusmaroli e defunti fam. Massari

 


per la comunità

Lunedì 15 febbraio

18.00 San Lorenzo

Angelo Tansini;
Piero Montani

Martedì 16 febbraio

18.00 San Lorenzo

Franco e defunti fam. Rossi e De Ponti;
Fiorina Negri e famiglia;
Giovanna e Raimondo Favero e Giacomo Locatelli

Mercoledì 17 febbraio
Delle Ceneri

18.00 San Lorenzo
Rito di imposizione delle ceneri

20.45 San Lorenzo
Rito di imposizione delle ceneri

Bernardino, Rossana e Carolina Sarzana

Giovedì 18 febbraio

18.00 San Lorenzo

defunti fam. Bonomi;
Carlo Cassinelli

Venerdì 19 febbraio

18.00 San Lorenzo

 

Sabato 20 febbraio

 

18.00 San Lorenzo

 

Natale Riatti;
Renzo Bandirali (nel trentesimo giorno dalla morte);
Marcellina Papetti

Domenica 21 febbraio
I di Quaresima

8.30 San Lorenzo


9.30 San Paolo

11.00 Sant’Agnese

defunti fam. Maglio e Nicò

Giuseppe Cortesi


per la comunità

Per iscrivere il nome dei propri familiari defunti nella messa contattare il parroco di persona o per telefono: don Emilio 375 5317138

Vita della comunità 6/21

Care amiche e amici,
la domenica che oggi festeggiamo si distingue per due occasioni: anzitutto oggi ricorre l’annuale Giornata Nazionale per la Vita. Vorrei ricordare con ammirazione e riconoscenza l’attività del Movimento per la Vita del Lodigiano. Non è facile operare a favore della nascita dei bambini in questo periodo, sia per le difficoltà contingenti dovute alle limitazioni normative del contrasto al Covid, sia soprattutto per l’opinione corrente maggioritaria che non tiene in sufficiente considerazione il semplice diritto del bambino a nascere. Il Movimento per la Vita del Lodigiano ha sede in tre luoghi: a Lodi in via Secondo Cremonesi 4, a Codogno in via Santa Francesca Cabrini e a Casalpusterlengo in piazza del popolo. Grazie all’interessamento degli operatori, nonostante le difficoltà, durante lo scorso anno sono state aiutate e assistite molte mamme e sono nati molti bambini. Ora il lockdown ha reso più complicato il tutto: lo stesso numero dei volontari si è ridotto. Inoltre non è possibile fare la tradizionale vendita delle primule a cui gli anni scorsi abbiamo offerto spazio. Eppure il Movimento continua a operare e, nello specifico, a proporre i cosiddetti “Progetti Gemma”, che fin dal 1994 offrono sostegno alle mamme in difficoltà. Vi invito a consultare il sito internet per avere informazioni in proposito. Naturalmente la Giornata per la Vita non è dedicata solamente alla vita nascente, ma anche alla vita che cresce e matura, che cerca la qualità a cui ha diritto, che aspira ad un futuro sereno e responsabile: l’accoglienza della vita deve essere accoglienza delle persone, in tutte le fasi della loro esistenza, soprattutto quando stanno male, quando sono minacciate, quando cercano solidarietà, quando sono violentate o sfruttate, quando sono all’ospedale o negli ospizi, quando sbagliano e cadono e chiedono una mano per rialzarsi.

La seconda occasione che questa domenica ci offre è quella di conoscere la Comunità “Il Gabbiano”, di Pieve Fissiraga: è un ente che si occupa delle persone che sono in situazioni di disagio personale o sociale, e le aiuta a uscire dai loro problemi che, senza la comunità, sarebbero pressoché insolubili. Ha sede nella campagna lodigiana, e impegna le persone nel lavoro e nella produzione di alcuni beni agricoli di consumo. Alcuni di loro sono oggi presenti alle nostre celebrazioni e ci propongono un campionario dei loro prodotti che, se interessati, possiamo acquistare. Va da sé che il ricavato andrà a beneficio dei progetti di aiuto che la comunità organizza a favore degli ospiti. Non mi dilungo oltre: abbiamo modo di ascoltare dalla loro stesa voce, al termine delle messe, informazioni più precise.

In settimana, precisamente giovedì 11 febbraio, ricorre la memoria della Madonna di Lourdes. È la Giornata mondiale del Malato: l’ha istituita il papa Giovanni Paolo II per richiamare tutti noi a riconoscere nel volto delle sorelle e dei fratelli infermi il volto di Cristo crocifisso e risorto. Gli anni scorsi si invitavano i malati alla celebrazione dell’olio santo, ma quest’anno – potete immaginare – non è possibile. Ma durante la messa delle 18 gli ammalati avranno un posto speciale nella nostra preghiera e saranno gratificati di una “benedizione a distanza” la cui efficacia mettiamo nelle mani del Signore e delle sorelle e dei fratelli che hanno a cuore la loro situazione.

Vi auguro buona settimana! Don Emilio – con me vi saluta don Roberto

Celebrazione della messa

Celebrazione della messa nella parrocchia di San Lorenzo

Domenica 7 febbraio ’21
V del tempo ordinario

8.30 San Lorenzo

 

9.30 San Paolo

 

11.00 Sant’Agnese

Luciano, Giulio e Carmen Montini;
Franca (nell’anniversario della morte)

Antonia Gaboardi;
Regali Mario, Santina e Alfredo

 Angela Chiesa

Lunedì 8 febbraio

18.00 San Lorenzo

Rosetta e Agostina Fiorentini;
Romeo Arcaini (nel primo anniversario della morte)

Martedì 9 febbraio 

18.00 San Lorenzo

Mariuccia e Bill

Mercoledì 10 febbraio
Santa Scolastica, vergine

18.00 San Lorenzo

Luigi e Maria Lorenzoni

Giovedì 11 febbraio
Beata Vergine Maria di Lourdes

18.00 San Lorenzo
Preghiera per le persone ammalate

Ugo e Adelaide Zanini

Venerdì 12 febbraio 

18.00 San Lorenzo

Fedele e Teresa Pozzoli

Sabato 13 febbraio

18.00 San Lorenzo

Maria Luisa Marazzini (nel 30° giorno della morte), e i suoi cari: Ettore, Franco, Emilio e Angiolina

Domenica 14 febbraio
VI del tempo ordinario

8.30 San Lorenzo

9.30 San Paolo

 

11.00 Sant’Agnese

 

Anna Guati, Anna Gusmaroli e defunti fam. Massari

 per la comunità

Per iscrivere il nome dei propri familiari defunti nella messa contattare il parroco di persona o per telefono: don Emilio 375 5317138

Vita della comunità 5/21

Care amiche e amici,
la settimana che iniziamo, nei riti che celebreremo, ci permetterà di ricordare alcuni valori importanti che sempre devono essere ben presenti alla nostra attenzione:

– martedì 2 febbraio è la festa della Presentazione del Signore. Molti di noi la ricordano col nome di “Candelora”: infatti è la festa della luce. Nella Messa ricorderemo l’evento della Presentazione di Gesù Bambino al tempio che avvenne a 40 giorni dalla nascita. Infatti il libro del Levitico (12,1-8) contiene la prescrizione della necessità per la madre e il suo neonato di compiere un rito di purificazione presso il sacerdote, al compimento del quarantesimo giorno del bambino. Ed è esattamente ciò che fecero Maria e Giuseppe, secondo il vangelo di Luca (2,22-39). Quando arrivarono al tempio trovarono un uomo anziano, Simeone, che riconobbe in Gesù il Liberatore di Israele e “la luce per illuminare i popoli”. Per questo anche noi, a quaranta giorni dal Natale, accenderemo le candele come gesto plastico di riconoscimento della luce che Gesù continua ad essere per noi e per tutti. Il 2 febbraio è anche la giornata mondiale dedicata all’attenzione per le persone, religiose e religiosi, che hanno dedicato la vita al Signore con un coinvolgimento totalizzante. Noi di San Lorenzo ci ricorderemo delle sette suore di Maria Bambina che abitano all’istituto di Santa Savina, nel territorio della nostra parrocchia. Pregheremo per la loro comunità e per la loro salute.

– mercoledì 3 febbraio è la ricorrenza di San Biagio, vescovo dell’antica città armena di Sebaste che, a quanto pare, morì martire intorno al 316, anche se le persecuzioni imperiali contro i cristiani erano terminate già da alcuni anni. È universalmente noto per la leggenda che lo vede protagonista del prodigioso intervento a favore di un bambino che stava morendo soffocato da una spina di pesce. Per questo, da tempo immemore, nel giorno della sua ricorrenza si benedice la gola di quanti partecipano alla Messa. Anche noi compiremo questo gesto, come segno di affidamento al Signore della nostra salute, non nel senso di una ricerca di ansiogena protezione sotto un improbabile manto divino, ma per dire al Signore che mettiamo a diposizione del suo vangelo e della sua parola di pace le energie che egli ci dà. Nel tempo di emergenza sanitaria, poi, gli chiederemo di essere massimamente responsabili della nostra salute e soprattutto di quella degli altri: se da una parte stiamo cercando di non infettarci col coronavirus, dall’altra staremo all’erta per non essere causa di contagio nei confronti dei nostri concittadini;

– domenica 7 febbraio ricorrerà la 43a Giornata nazionale per la vita.  Il messaggio che i vescovi italiani hanno scritto per questa occasione si intitola “Libertà e vita”. Ne propongo un paio di stralci: “A ben pensarci, la vera questione umana non è la libertà, ma l’uso di essa. La libertà può distruggere se stessa: si può perdere! Una cultura pervasa di diritti individuali assolutizzati rende ciechi e deforma la percezione della realtà, genera egoismi e derive abortive ed eutanasiche, interventi indiscriminati sul corpo umano, sui rapporti sociali e sull’ambiente … Dire “sì” alla vita è il compimento di una libertà che può cambiare la storia. Ogni uomo merita di nascere e di esistere. Ogni essere umano possiede, fin dal concepimento, un potenziale di bene e di bello che aspetta di essere espresso e trasformato in atto concreto; un potenziale unico e irripetibile, non cedibile”.

– Sabato 6 e domenica 7 febbraio, al termine delle messe, alcuni rappresentanti della comunità Il Gabbiano di Pieve Fissiraga, che si cura delle persone in forte difficoltà esistenziale, presenteranno la loro esperienza e ci proporranno alcuni prodotti alimentari (vino, olio …) delle loro aziende.

Vi auguro di trascorrere una settimana serena

Don Emilio – con me vi saluta don Roberto

Celebrazione della messa

Celebrazione della messa nella parrocchia di San Lorenzo

Domenica 31 gennaio ’21
IV del tempo ordinario

8.30 San Lorenzo

9.30 San Paolo

 


11.00 Sant’Agnese

 

Jole Biffi, Giovanni Riva, Luigi Vignola;
Bruno, Diego e defunti fam. Fraschini

Per la comunità

Lunedì 1 febbraio 

18.00 San Lorenzo

 

Martedì 2 febbraio
Presentazione del Signore

18.00 San Lorenzo
Benedizione delle candele

Per la comunità

Mercoledì 3 febbraio
San Biagio, vescovo e martire

18.00 San Lorenzo
Benedizione della gola

defunti fam. Subinaghi Candiotto;
Maria Dadda

Giovedì 4 febbraio

 

18.00 San Lorenzo

 

Giulia e Giuseppe Cecchi;
Egidio e Agnese Granata e Giancarlo Riva

Venerdì 5 febbraio
Sant’Agata, vergine e martire

18.00 San Lorenzo

 

Sabato 6 febbraio
San Paolo Miki, sacerdote,  e Compagni, martiri

18.00 San Lorenzo

Giuseppe e Giovanna Rossi;
Marcello

Domenica 7 febbraio
V del tempo ordinario

8.30 San Lorenzo

 


9.30 San Paolo

 

11.00 Sant’Agnese

Luciano, Giulio e Carmen Montini;
Franca (nell’anniversario della morte)

Antonia Gaboardi;
Regali Mario, Santina e Alfredo

Angela Chiesa

Per iscrivere il nome dei propri familiari defunti nella messa contattare il parroco di persona o per telefono: don Emilio 375 5317138